Tutto WebMaster - Ottimizzazione e posizionamento siti - http://www.tuttowebmaster.eu
Off Page SEO
http://www.tuttowebmaster.eu/art/40/1/Off-Page-SEO.html
Da Mr Kiko
Pubblicato il 08/31/2006
 
Hai un bel sito, ricco di contenuti, pieno di pagine con titoli e paragrafi ben organizzati. Ma non ricevi visite tramite le ricerche nei motori di ricerca, e ti domandi come mai? Sfortunatamente ottimizzare le tue pagine non è ancora sufficiente, i motori di ricerca hanno sviluppato un “sistema” per assegnare il valore di un sito sulla base alla  sua popolarità. Inizialmente implementato da Google, poi anche da Yahoo! e MSN, il meccanismo di posizionamento più o meno in cima ai risultati è direttamente proporzionale con il numero dei siti che hanno un link al tuo. Ma non si limita tutto a questo. Prima di correre a spammare ogni possibile risorsa on-line con il tuo link, valuta anche altri fattori di ottimizzazione off-page.

Sono fattori fuori dal tuo controllo - ma non del tutto

Definizione:
L’ottimizzazione "Off Page" consiste nella gestione dei link in ingresso, o inbound link. Questi link sono di solito fuori dal diretto controllo del webmaster, diventa quindi un tipo di ottimizzazione più difficile da fare.

Storia:
Con la crescita del numero dei siti che trattano argomenti simili, gli elementi off-page diventano sempre più importanti per il ranking. I contenuti restano importanti, ma il posizionamento delle pagine si basa sempre di più su parametri dipendenti da fattori esterni, legati ad altri siti che le collegano.

Fattori off-page:
I fattori off-page sono quelli sui quali non hai il diretto controllo tramite la variazione dei contenuti del tuo sito. Il più importante è il numero e la qualità degli inbound link da altri siti. E quasi come una gara di fama o di popolarità: più siti parlano del tuo più alto diventa il tuo ranking. Se nessuno parla di te nella rete internet, puoi avere anche il più bel sito, nessuno ti visiterà e nessuno comprerà mai nulla dal tuo negozio on-line. Potrai quindi tranquillamente disdire il piano hosting e cancellare il sito. Non cambia nulla, che il tuo sito stia su un CD ROM nascosto in qualche cassetto, oppure sia on-line ma senza visite, ha lo stesso effetto.
Ovviamente, l’obiettivo non è quello di cancellare il sito, ma di fare tutte quelle attività che migliorino il suo posizionamento e la sua visibilità.

E' ovvio che il testo contenuto nelle pagine di un sito web è un fattore preponderante ai fini del ritrovamento nei motori di ricerca. Ma in  che posizione? Se hai appena avviato il sito, l’unica alternativa è quella di acquistare pubblicità. Perché un sito nuovo, che ovviamente non ha inbound link, non ha neanche valore Page Rank, quindi non è ritrovabile tramite i motori di ricerca. Eccezione fa il caso in cui hai un sito che parla di un argomento che nessun’altro tratta. Ma se lavori in una nicchia che nessun’altro tratta, allora probabilmente nessuno lo cerca, quindi, siamo a capo. Dopo l’avvio del sito, quindi, il tuo sforzo dovrebbe essere quello di aumentare la sua popolarità. Nelle sezioni di marketing troverai soluzioni anche sul come aumentare la visibilità del sito, in questo articolo ci limitiamo a dire che un sito senza inbound link non ha valore. Inizia quindi lavorare per ottenere link, ma fai attenzione anche a qualche regola di base:

  • Il numero dei link che puntano sul tuo sito: più ne hai meglio è, ma devono arrivare costantemente, con cadenza naturale
  • L’anchor text: ottimale se contiene una keyword, ma troppi link con lo stesso anchor text possono penalizzarti
  • Il PR della pagina di provenienza: se la pagina di provenienza non è indicizzata il link non ti porterà tanto
  • La tematica della pagina di provenienza: conta poco un link da un sito di cucina che punta sul tuo sito di musica
  • Il numero di link in uscita da quella pagina

Tecniche da evitare:

Con tutta la difficoltà che comportano le attività volte all’aumento degli inbound link, è da sapere che alcuni di questi possono essere irrilevanti, senza valore, o addirittura dannosi per il tuo posizionamento. Ci sono quindi alcune tecniche di ottimizzazione off-page da evitare.

  • Evita di inserirti nelle directory non controllate da una redazione, o in circuiti di scambio link di dubbio valore. Anche se è gratis, serve a poco, perché i motori di ricerca spesso rimuovono in blocco qualsiasi link che proviene da questi siti.
  • Evita di inserire il tuo link in vari guestbook, blog, pagine di feedback ed evita in genere di spammare altri con il tuo URL. Questo non soltanto fa scattare l’allarme nei motori, ma disturba anche i titolari dei siti.